Carro bagagliaio riscaldatore Vdr 917


(60 83 9924917-6)

I primi carri riscaldatori a vapore furono introdotti dalle FS nel 1907-08 per sussidiare il riscaldamento prodotto dalla locomotiva per il treno e furono poi usati per riscaldare le vecchie carrozze dotate di impianto a vapore anche con la trazione elettrica e diesel. Si tratta in sostanza di un impianto di riscaldamento mobile in cui la caldaia, alimentata prima a carbone e in epoca più recente a gasolio, genera il vapore che, attraverso appositi manicotti di connessione situati sulle testate di ogni carrozza, alimenta le “scaldiglie” di ogni scompartimento. L’entrata in servizio, negli anni cinquanta, delle carrozze dotate di riscaldamento elettrico (REC) ne ha causato il progressivo accantonamento.
Il carro riscaldatore VDr 917 del Museo è stato costruito nel 1942 dalla Breda. In origine la caldaia era alimentata a carbone; nel 1966 fu trasformato per l’alimentazione a gasolio. All’interno vi sono i serbatoi per 8300 litri d’acqua e 1250 litri di gasolio.
Oltre al comparto caldaia ha un vano bagagli, un WC ed un vano per il capotreno.
Il colore d’origine era il castano con tetto alluminio.

 

Indice precedente